Logo SX
Logo DX
     Home | Login | Login CRS  Help 

 

Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT)
 
La legge 22 dicembre 2017, n. 219 "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento", in vigore dal 31 gennaio 2018, stabilisce il principio per cui "nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata".
L'articolo 4 della legge prevede che ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un'eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte può, attraverso le DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento e informativa privacy) esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche a singoli trattamenti sanitari.
Di seguito le modalità operative della disposizione normativa
·         Le DAT devono essere redatte per atto pubblico o per scrittura privata autenticata ovvero per scrittura privata;
·         La consegna deve obbligatoriamente avvenire personalmente da parte della persona interessata (non può essere fatta da un incaricato) e residente nel comune, l'ufficio non è legittimato a ricevere DAT recate da disponenti non residenti.
·         Le DAT possono essere rese solo da persone maggiorenni e capaci di intendere e di volere e, con le stesse modalità, possono essere successivamente modificate o revocate.
·         Le DAT, in caso in cui le condizioni fisiche non consentano di rendere la dichiarazione scritta, possono essere rese mediante videoregistrazione o con dispositivi che consentano alla persona di comunicare. In questo caso dovrà essere consegnata una busta contenente, ad esempio, una chiavetta USB o altro supporto di memorizzazione. La consegna dovrà sempre avvenire personalmente e si seguiranno le medesime modalità utilizzate per la consegna delle DAT in forma scritta. Per i contenuti delle DAT si rimanda alla lettura dell'art. 4 della legge 219/2017.
·         Il disponente indica altresì una persona di sua fiducia, denominata " fiduciario", che dovrà essere persona maggiorenne e capace di intendere e di volere che ne faccia le veci e la rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie. Il fiduciario accetterà la nomina mediante sottoscrizione della DAT o con atto successivo allegato alla DAT. Al fiduciario sarà rilasciata copia della DAT.
Se la Dat non contiene l'indicazione del fiduciario, o questi vi abbia rinunciato o sia deceduto o divenuto incapace, mantengono efficacia in merito alle volontà del disponente. In caso di necessità,  il giudice tutelare provvede alla nomina di un amministratore di sostegno (ai sensi del capo I del titolo XII del libro I del codice civile).
·         Le DAT sono redatte dalla persona interessata e devono essere consegnate all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune di residenza (che non deve partecipare alla redazione della scrittura, né è tenuto a dare informazioni sul contenuto della medesima: ha il solo compito di riceverle, di registrarle e di conservarle).
·         Le DAT saranno protocollate e conservate dall'Ufficio dello Stato Civile
-         La DAT previo consenso del disponente verrà inserita nella Banca Dati Nazionale presso il Ministero della Salute.
·         Al disponente viene consegnata una ricevuta con i dati anagrafici dello stesso, data, timbro e firma dell'ufficio, la quale potrà essere apposta sulla copia della DAT e riconsegnata allo stesso trattenendo l'originale; successivamente viene inviata al disponente tramite posta elettronica la comunicazione indicante il numero di protocollo assegnato.
Le DAT dovranno essere consegnate presso l'ufficio dello Stato Civile sito al piano terra in Via Cesare Battisti, 2 (orari).

Le DAT consegnate vengono inserite nella Banca Dati Nazionale e coloro che non desiderano tale inserimento possono chiederne la cancellazione all'Ufficio di Sato Civile
L'ufficio può essere contattato al numero 02-52772.283/284, oppure tramite email: statocivile@comune.sandonatomilanese.mi.it o tramite pec: protocollo@cert.comune.sandonatomilanese.mi.it
 
 
© Gruppo Finmatica - Tutti i diritti riservati
J-Portal [Gruppo Finmatica - Bologna]
Versione 1.3.3 beta3  ( AFC 2005.05.4 )