Logo SX
Logo DX
     Home | Login | Login CRS  Help 

 

COME FARE PER...  RICHIEDERE LA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDO DELLE CENERI

DESCRIZIONE
L'autorizzazione alla cremazione, dispersione delle ceneri e affido personale delle ceneri è data nel rispetto della volontà espressa in vita dal defunto.

Imposta di bollo
La domanda di cremazione, dispersione ceneri e affido personale delle ceneri ed i relativi provvedimenti di autorizzazione sono assoggettati al pagamento dell'imposta di bollo. Se l'autorizzazione è rilasciata in più originali, l'imposta di bollo è assolta su ognuno di essi.

A - CREMAZIONE
Modalità di presentazione della domanda.
La  domanda (A) è indirizzata al Sindaco del comune di decesso: può esser presentata personalmente dal coniuge o parente del defunto, anche tramite un loro incaricato (addetto Impresa di Onoranze Funebri), o inoltrata a mezzo posta elettronica: statocivile@comune.sandonatomilanese.mi.it o per pec: protocollo@cert.comune.sandonatomilanese.mi.it
Alla richiesta di cremazione sono allegati tutti i documenti comprovanti:
1. la volontà del defunto di essere cremato;
2. il certificato del medico necroscopo dal quale sia escluso il sospetto di morte dovuta a reato, oppure il nulla osta dell'autorità giudiziaria.
3. copia del documento di identità valido del richiedente

Forma della volontà espressa in vita dal defunto 
- disposizione testamentaria; 
- iscrizione ad associazione di cremazione legalmente riconosciuta;
in mancanza
volontà manifestata dal coniuge;
in difetto
volontà manifestata dal parente più prossimo (individuato secondo gli artt. 74 e seguenti del codice civile) e, nel caso di concorrenza di più parenti nello stesso grado, dalla maggioranza assoluta di essi.


B - DISPERSIONE DELLE CENERI
Modalità di presentazione della domanda
La  domanda (B) corredata da tutti i documenti e gli atti comprovanti la volontà del defunto è indirizzata al Sindaco del:
a) Comune del luogo di decesso;
b) Comune di residenza del defunto, qualora il decesso sia avvenuto in altra Regione;
c) Comune ove sono già tumulate le ceneri.

Forma della volontà espressa in vita dal defunto
La volontà del defunto di disperdere le proprie ceneri deve chiaramente ed inequivocabilmente emergere da:
1) disposizione testamentaria;
2) dichiarazione autografa (da pubblicarsi come testamento olografo art. 620 c.c.);
3) dichiarazione resa e sottoscritta nell'ambito dell'iscrizione ad associazione legalmente riconosciuta che abbia tra i propri fini quello della cremazione dei cadaveri;
 
Luoghi dove svolgere la dispersione nell'ambito del territorio regionale
- area cimiteriale appositamente individuata;
- area privata, aperta e con il consenso del proprietario (è vietata la dispersione nei centri abitati);
- in natura (nei tratti liberi da natanti e manufatti): mare, lago, fiume.

Persona autorizzata alla dispersione
- persona indicata per volontà del defunto;
in mancanza
- coniuge;
- figli;
- altri familiari aventi diritto;
- esecutore testamentario;
- legale rappresentante di associazione per la cremazione a cui il defunto era iscritto;
- personale appositamente autorizzato dal comune che esercita l'attività funebre.

C - AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI
Modalità di presentazione della domanda
La domanda (C) è indirizzata al Sindaco del comune competente per luogo di conservazione delle ceneri ed alla stessa sono allegati tutti i documenti ed atti comprovanti la volontà del defunto.

Forma di volontà espressa in vita dal defunto
La volontà del defunto di affidare le proprie ceneri, a specifica persona, deve chiaramente ed inequivocabilmente emergere da:
1) disposizione testamentaria;
2) dichiarazione autografa (da pubblicarsi come testamento olografo art. 620 c.c.);
3) dichiarazione resa e sottoscritta nell'ambito dell'iscrizione ad associazione legalmente riconosciuta per la cremazione;
4) dichiarazione resa, di fronte ad un pubblico ufficiale con sottoscrizione appositamente autenticata, dai congiunti che chiedono l'affido delle ceneri.
I "congiunti" che possono rendere questa dichiarazione sono:
a) coniuge, ove presente, congiuntamente ai parenti di primo grado (figli e genitori del defunto);
b) in assenza del coniuge e dei parenti di primo grado, il parente più prossimo individuato ai sensi degli artt. 74 e seguenti del codice civile (in caso di concorrenza di più parenti nello stesso grado, da tutti gli stessi).

D – CONSEGNA DELLE CENERI
Le ceneri sono consegnate da parte del gestore del crematorio cimiteriale mediante processo verbale (art. 81 D.P.R. 285/1990), previa verifica:
a) dell'atto di autorizzazione di dispersione o affido delle ceneri;
b) dell'atto di autorizzazione al trasporto delle ceneri

TARIFFE PER AFFIDAMENTO E DISPERSIONE CENERI

MODULISTICA

NORMATIVA

RESPONSABILI E REFERENTI

© Gruppo Finmatica - Tutti i diritti riservati
J-Portal [Gruppo Finmatica - Bologna]
Versione 1.3.3 beta3  ( AFC 2005.05.4 )