Logo SX
Logo DX
     Home | Login | Login CRS  Help 

 

COME FARE PER.... CELEBRAZIONE DI MATRIMONIO

I matrimoni civili vengono celebrati dall'Ufficiale dello Stato Civile (Sindaco o suo delegato), i matrimoni religiosi o acattolici dal Parroco o da un Ministro del Culto.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE:

MATRIMONIO CIVILE
Per coloro che si sposeranno col rito civile è sufficiente rivolgersi al comune di residenza di uno degli sposi, per far avviare il procedimento chiamato "Pubblicazione di matrimonio", con il quale l'Ufficiale dello Stato Civile verifica l'insussistenza di impedimenti alla celebrazione delle nozze, e rende pubblica l'intenzione degli sposi.
La pubblicazione deve essere richiesta all'Ufficio di Stato Civile del Comune dove ha la residenza uno dei futuri sposi. Per effettuare la richiesta dell'avvio della pratica di Pubblicazione di matrimonio, entrambi gli sposi devono presentarsi presso la sede dell'Ufficio di Stato Civile. In alternativa agli sposi, ma munita di procura speciale, la richiesta può essere effettuata anche da un'altra persona. Non occorrono testimoni. La documentazione ordinaria verrà acquisita d'ufficio.
Dovranno invece essere presentati dagli sposi i seguenti documenti, riferiti a situazioni non ordinarie:
* nullaosta dello straniero che intende sposarsi in Italia
* decreto del Tribunale di dispensa o riduzione dei termini di pubblicazione
* decreto del Tribunale di autorizzazione a contrarre matrimonio in caso di parentela o affinità tra i coniugi
* decreto del Tribunale di autorizzazione a contrarre matrimonio in presenza di divieto temporaneo
* decreto del Tribunale di ammissione al matrimonio del minore d'età
Le pubblicazioni verranno esposte per almeno 8 giorni, a cura dell'Ufficiale di Stato Civile. Nel caso in cui uno degli sposi fosse residente in un altro Comune, esse verranno esposte d'ufficio anche in quello. Resteranno esposte per almeno 8 giorni ed il matrimonio dovrà essere celebrato entro i 6 mesi successivi.
Nel caso di matrimonio civile da celebrarsi in un Comune che non sia quello di residenza degli sposi, occorre richiedere l'apposita delega.

Se entrambi gli sposi sono residenti fuori San Donato Milanese, occorre presentare la delega rilasciata dall'Ufficiale dello Stato Civile che ha effettuato le pubblicazioni, dichiarazione relativa alla scelta patrimoniale, fotocopie di documenti d'identità sia degli sposi che dei testimoni.

Per il matrimonio in imminente pericolo di vita (in extremis) è necessario presentare un certificato medico che attesti l'imminente pericolo di vita dello/a sposo/a.
L'Ufficiale di Stato Civile si recherà con il segretario Comunale nel luogo in cui si trova lo/a sposo/a per celebrare il matrimonio, alla presenza di 4 testimoni.
In questo caso non sono necessarie le pubblicazioni.

TEMPISTICA PER LA CELEBRAZIONE
Il matrimonio può essere celebrato non prima di 4 e non dopo 180 giorni dal compimento (affissione) delle pubblicazioni di matrimonio.

I matrimoni vengono celebrati dall'Ufficiale dello Stato Civile (Sindaco o suo delegato) dal lunedì al venerdì nel Palazzo Comunale e dal lunedì al sabato in Cascina Roma, generalmente nei seguenti orari: ore 11.00 / 11.30 esclusi i giorni di Natale, Pasqua, S. Stefano, 1° dell'anno e ferragosto.
La data e l'orario devono essere concordati con l'Ufficio di Stato Civile, che fisserà l'appuntamento secondo le disponibilità.

Il giorno e l'orario vanno comunque concordati con congruo anticipo con l'Ufficio di Stato Civile
Gli sposi devono presentarsi nel giorno e nell'ora prestabiliti presso la Sede di celebrazione (Palazzo Comunale o Cascina Roma) con due testimoni maggiorenni (anche parenti dei nubendi) muniti di valido documento d'identità.

SEDE DI CELEBRAZIONE
Il matrimonio può essere celebrato nel Palazzo Comunale (senza spese e dal lunedì al venerdì orario di apertura al pubblico) o presso Cascina Roma (dal luendì al sabato durante orario di apertura al pubblcio), dove sono disponibili due sale, previo pagamento della tariffa prevista per il servizio a domanda individuale da effettuarsi con il bancomat presso Punto Comune.

REQUISITI
- compimento delle pubblicazioni senza opposizione
- avere la maggiore età
- per le donne che avessero contratto un precedente matrimonio, dopo 300 giorni dalla cessazione dello stesso, salvo apposita dispensa nella sentenza di divorzio

MATRIMONIO CONCORDATARIO
Coloro invece che hanno deciso per il rito religioso valido anche agli effetti civili (matrimonio concordatario) oltre ai documenti richiesti dal Comune, dovranno produrre al propriro Parroco anche quelli previsti dalla Chiesa Cattolica:
* certificato di Battesimo
* attestato di frequenza al corso prematrimoniale
* nullaosta alla celebrazione rilasciato dal comune che ha avviato le pubblicazioni
Il certificato di cresima non dovrebbe rientrare nella lista, ma in genere viene richiesto ugualmente; essere cresimati, infatti non è obbligatorio, però in genere è molto gradito. Meglio allora parlarne direttamente con il parroco, per capire insieme quale sia il percorso più idoneo da seguire.
Altri certificati vengono richiesti solo in casi particolari:
* certificato di libero
* nulla osta ecclesiastico
Raccolta tutta la documentazione richiesta, il parroco, valutata la disposizione degli sposi, emette il "consenso alle nozze". A questo punto, per almeno otto giorni, verrà affissa la pubblicazione presso i locali della parrocchia in cui sarà celebrato il matrimonio.

NORMATIVA

RESPONSABILI E REFERENTI  

 

 

© Gruppo Finmatica - Tutti i diritti riservati
J-Portal [Gruppo Finmatica - Bologna]
Versione 1.3.3 beta3  ( AFC 2005.05.4 )